Donne Vere non si nasce (per forza)!

"Credo che essere donna significhi innanzitutto combattere per ciò che si vuole, per raggiungere i propri obiettivi, ed io mi sento una donna con la D maiuscola perché ho combattuto per esserlo. Ho preso in mano la mia vita, e sono orgogliosa di ciò che sono oggi". E' questa la motivazione che ha spinto Enrie Scielzo a partecipare al contest di Donna Moderna "Donne Vere" http://donnevere.donnamoderna.com/contributo/enriescielzo/

Noi ci auguriamo che vinca, innanzitutto perché è salernitana, poi perché il suo è un messaggio importante per tante persone che vivono la difficoltà di ritrovare se stesse in un corpo e in un'anima che non sentono propri.

29 anni, con un passato da modello androgino prima, trans poi, Enrie ha deciso di partecipare al contest "così per scherzo e..perché no?"ma poi l'idea che un concorso per donne vere possa vincerlo proprio una trans le è piaciuta. "Riprende un po' la campagna sociale che porto avanti con il mio blog", commenta Enrie. "E sarebbe un bel messaggio da mandare, soprattutto in Italia, per fare capire che per essere donne vere non devi per forza nascere biologicamente femmina".

Il blog di cui parla è The Ladyboy , un beauty blog molto patinato attraverso il quale però l'obiettivo di Enrie è quello di "spingere la gente a riflettere, per me già quella è una conquista. E non mi riferisco solo agli altri trans ma alle persone che conoscono poco questo mondo. Pochi sanno quanto sia duro e anche costoso il percorso psicologico, ormonale e terapeutico che bisogna affrontare per arrivare alla riattribuzione del sesso. Quello che scrivo sul mio blog", continua Enrie, "è quello che io vorrei leggere da lettrice. Quando ho iniziato a capire di essere donna, la cosa più difficile è stato trovare un punto di riferimento a cui chiedere informazioni, con cui confrontarmi. Pur non avendo la presunzione di essere io quel punto di riferimento, quello che mi prefiggo è dare delle informazioni oggettive a chi mi legge, raccontando la mia storia sperando di poter essere di aiuto sia a chi vuol cambiare sesso che a chi gli sta intorno".

E' questo il motivo per cui hai pubblicato la lettera di tuo padre? "Esatto, l'ho pubblicata per aiutare i genitori di altre persone come me a capire, ad accettare i figli e a cercare di supportarli. Sono una persona molto pudica ed anche aprire il blog per me è stato una prova di forza però mi piace tanto una frase, con cui mi identifico: tieni per te le tue paure ma condividi con gli altri il tuo coraggio. Il coraggio è quello che vorrei infondere in quanti non sono stati fortunati come me ad avere una famiglia alle spalle che li sostiene e in molti che addirittura non hanno il coraggio di guardare dentro di sé".

Quello che si avverte parlando con Enrie è una grande serenità, "perché ho iniziato il mio percorso di transizione e trasformazione quando ne sono stata davvero consapevole e convinta. Cambiare sesso non è una passeggiata, per questo c'è un iter, anche burocratico, abbastanza duro e per questo ottenere il nullaosta dallo psicologo è il primo step, propedeutico a tutti gli altri. Bisogna farsi seguire da medici ed esperti e non affidarsi al fai-da-te o al sentito dire, su questo sono abbastanza dura anche sul mio blog: non è detto che la terapia seguita da una, vada bene anche per l'altra".

E vivere in una città come Salerno, di dimensioni medio-piccole, come è stato? Hai avuto problemi o vissuto discriminazioni proprio perché Salerno è una città di provincia? "Direi di no. Anzi, alla faccia di quelli che dicono che al Sud siamo bigotti e retrogradi, ho lavorato in negozi come commessa e nessuno mi ha mai mancato di rispetto o fatto problemi per il fatto di essere trans, lo stesso dicasi per alcune mie amiche. Siamo una città molto civile e aperta, e ci terrei a mettere l'accento sul fatto che tutti i matrimoni trans di cui abbiamo letto sui giornali si siano tenuti in Campania. Anche questo, a mio avviso, è uno spunto di riflessione molto interessante".

Dunque Salerno (e non solo) non può non mobilitarsi affinché Enrie vinca il contest di Donna Moderna.

Per farlo, basta clickare sul link sottostante e votare!

http://donnevere.donnamoderna.com/contributo/enriescielzo/

In bocca al lupo per il contest Enrie e soprattutto per la tua vita!

21 / 08 / 2017

Ultimi aggiornamenti


 






www.ecodisalerno.com - Registrazione al Tribunale di Salerno nr. 10/2014 del 16/04/2014